• mercoledì, 20 novembre - 18:44

    Berlusconi senza freni: “Monti liderino sotto choc”

    Pubblicato il 19 gennaio 2013 da Redazione.

    E’ scontro a distanza. Il Prof: Cav “pifferaio”. Il leader Pdl: lui scioccato dai sondaggi, immorale resti senatore a vita.

    ROMA – Botta e risposta tra Berlusconi e Monti. Tra un attacco e l’altro, il Cavaliere ha dato del “leaderino” scioccato dai sondaggi al premier, e il presidente del Consiglio ha definito “pifferaio magico” il Cavaliere, il leader del Pdl ha lanciato l’ipotesi Draghi al Quirinale ma senza scoprirsi troppo: “Assolutamente sì. Se ci fosse una maggioranza che lo proponesse io lo voterei”, ha detto Berlusconi a Omnibus su La 7 parlando dell’ipotesi di Mario Draghi alla presidenza della Repubblica. Poi ha spiegato di “non aver mai avuto l’ambizione di fare il presidente della Repubblica”. Ma chi ha in mente per il Colle? “Il candidato in pectore non si svela altrimenti si brucia” ha tagliato corto.

    Mario Monti è un leaderino sotto choc per i sondaggi e a cui il potere ha dato alla testa, una protesi della sinistra ed è immorale che resti senatore a vita. Questo in sintesi il nuovo attacco di Berlusconi al premier dimissionario, dopo che ieri Monti lo ha accusato di essere un “pifferaio magico”. Un botta e risposta che non accenna a placarsi quello tra i due avversari politici.
    “Non c’è stata una trattativa con Napolitano sulla nomina a senatore di Monti. Trovo assolutamente immorale che Monti che è contro di noi e contro la sinistra si fregi ancora di questo titolo di senatore a vita che dovrebbe essere super partes. Se l’avessi saputo non l’avrei sostenuto”, ha detto il presidente del Pdl intervenendo a “Omnibus” su La 7. Tornando sulla dichiarazione di Monti, che ieri ha attaccato duramente Berlusconi paragonandolo al “pifferaio magico”, il Cavaliere ha spiegato:”Forse è sotto shock perchè ha letto i sondaggi che lo indicano come un leaderino del centro oppure come dice Flaiano alle volte l’insuccesso dà alla testa. Certo è molto diverso da come si è mostrato a tutti noi. Monti si presenta sotto mentite spoglie di indipendenza – ha aggiunto – ma è una protesi della sinistra”.
    E poi: “Una mascalzonata insieme alle altre”, ha commentato riferendosi alle parole del premier Monti secondo le quali lui non avrebbe la credibilità necessaria per tenere sotto controllo lo spread.
    Ieri Monti a “Porta a Porta” ha dichiarato: Silvio Berlusconi è come “il pifferaio magico” della favola che “porta i topini ad annegare”. Poche ore dopo il Cavaliere invitato a rispondere all’accusa a Skytg 24: “No, non l’ho sentito Monti a ‘Porta a Porta’. Anche lui ha fatto illudere noi: è veramente un bluff e ci siamo caduti tutti. Abbiamo tutti sperato che questo signore fosse quello che appariva. Probabilmente vuole tassarmi anche il piffero…”.
    Per Monti “Berlusconi ha già illuso tre volte gli italiani” e ormai “non ha credibilità, neanche all’estero”. Mentre per Berlusconi è vero che Monti ha portato lo spread così in basso però c’è disoccupazione e le riforme non hanno dato effetto. “Lo sa anche un bambino da che dal momento in cui si da la medicina a quando passa la malattia ci vuole del tempo”ha sottolineato Monti.
    Quanto alla riduzione dello spread il premier ha spiegato che: “Questo e dovuto alla riduzione del disavanzo italiano e al riacquisto di credibilità presso il mondo e i mercati che e avvenuto prima di quanto pensassi. questo e dovuto non solo all’Italia anche alla Bce, infatti l’indicatore più significativo non è tanto lo spread rispetto alla Germania ma rispetto alla Spagna. l’Italia ha guadagnato terreno rispetto a Spagna”. Dal canto suo il Cavaliere ha attaccato: “Io non ho mai aumentato le tasse il signor Monti in 13 mesi ha aumentato di 3 punti la pressione fiscale”. (fonte Tmnews)
  • Partecipazioni e

    Necrologi online

    Il servizio è attivabile da computer, tablet e smartphone con estrema comodità. Anche chi lavora e vive in altre città d'Italia e all'estero potrà tenersi informati sugli eventi luttuosi.

    Tel 328/2307777 mail:

    redazione@lavocedelpopolo.net