• lunedì, 24 giugno - 19:20

    Un antico adagio recita “Pensavo che piovesse… ma mica che grandinasse!

    Pubblicato il 9 febbraio 2015 da Direttore.

    CIVITAVECCHIA – Riceviamo e pubblichiamo la protesta di un nostro concittadino, e non è l’unico, che lamenta lo stato di degrado e abbandono in cui versa la nostra città ormai da troppo tempo.

    “Questa città è completamente abbandonata, sporca come non lo è mai stata, le strade oramai piene di buche sembrano dei veri e propri percorsi per esercitazioni di guerra, con la segnaletica orizzontale e in particolare le strisce pedonali che non esistono più.  I pedoni che si avventurano nell’attraversare le strade, se riescono a superare in primis le buche, sono fortunati. L’illuminazione nelle arterie cittadine è ormai un optional e tante vie sono al buio o quasi.

    Che dire del Natale trascorso … una vergogna, una città al buio così non si era mai vista, in cui lo spirito natalizio si è andato a far benedire. Sono mancate le attrazioni per i bambini, spirito vero e unico del Natale, così facendo la città è stata lasciata nella desolazione più totale.

    Crescono ‘monumenti spontanei’, come quello di Via Thaon de Revel laddove le transenne ed una sedia di plastica posta a fermare il materiale sottostante sono lì da quasi un anno senza che nessuno si sia preso la briga di toglierle. Che dire per concludere e dare spazio nei giorni seguenti ad altre segnalazioni, vivere una città così è complicato così come non è edificante che tutto questa ‘trasandatezza’  ci rappresenti agli occhi dei tanti crocieristi che girano in città”. Lettera firmata.

  • Partecipazioni e

    Necrologi online

    Il servizio è attivabile da computer, tablet e smartphone con estrema comodità. Anche chi lavora e vive in altre città d'Italia e all'estero potrà tenersi informati sugli eventi luttuosi.

    Tel 328/2307777 mail:

    redazione@lavocedelpopolo.net