• lunedì, 22 luglio - 13:35

    Svolto il raduno degli osservatori arbitrali di Viterbo, Civitavecchia e Rieti

    Pubblicato il 6 marzo 2017 da Redazione.

    VITERBO – Si è svolto sabato pomeriggio, nella sede della sezione di Viterbo dell’associazione italiana arbitri, il raduno degli osservatori arbitrali della Tuscia e delle sezioni di Civitavecchia e Rieti.

    Un appuntamento importante, che ha visto la partecipazione di Roberto Bellosono, responsabile degli osservatori arbitrali del Lazio e Antonio Di Blasio coordinatore degli organi tecnici del comitato regionale arbitri.

    «Quello dell’osservatore arbitrale è un compito bellissimo ma molto complesso – ha esordito Roberto Bellosono – il nostro ruolo è importante per la formazione, la crescita, lo sviluppo e il corretto utilizzo degli arbitri. Dobbiamo mettere a disposizione dei giovani la nostra esperienza e per farlo dobbiamo studiare il regolamento e la sua applicazione pratica, aggiornarci continuamente e compiere il nostro ruolo con puntualità e correttezza».

    Gli osservatori arbitrali hanno visionato il filmato di un’intera partita. Al termine hanno rivisto e commentato le immagini dei momenti più importanti della gara. Un confronto proficuo, che ha consentito di focalizzare alcuni aspetti per una corretta valutazione della prestazione dell’arbitro.

    Al termine, il componente del comitato nazionale Umberto Carbonari ha ringraziato i relatori e si è complimentato per l’attenta e numerosa partecipazione degli osservatori con i presidenti di sezione, Luigi Gasbarri di Viterbo, Gian Luca Ventolini di Civitavecchia e Massimo Basilici di Rieti. «I giovani arbitri – ha detto Carbonari agli osservatori arbitrali – sono un patrimonio che dobbiamo far crescere. Per questo il vostro compito é importantissimo e molto delicato. Date consigli efficaci ai giovani direttori di gara, affinché migliorino partita dopo partita».

     

  • Partecipazioni e

    Necrologi online

    Il servizio è attivabile da computer, tablet e smartphone con estrema comodità. Anche chi lavora e vive in altre città d'Italia e all'estero potrà tenersi informati sugli eventi luttuosi.

    Tel 328/2307777 mail:

    redazione@lavocedelpopolo.net