• lunedì, 1 giugno - 23:59

    Crisi idrica, Forza Italia attacca il sindaco: “L’acqua a Civitavecchia non è un bene primario”

    Pubblicato il 25 maggio 2017 da Redazione.

    CIVITAVECCHIA – «L’acqua bene primario per una civiltà evoluta, ma non a Civitavecchia visto inizia a scarseggiare addirittura prima dell’ estate. Dopo 3 anni di amministrazione Grillina, con tanti proclami ma senza aver ancora combinato nulla di concreto, anzi si: le bollette arrivano ed anche salate, un mc d’acqua costa quanto in lt di vino».

    Così i due vice coordinatori di Forza Italia Gianfranco Frascarelli e Emanuela Mari.

    «Tantissimi i cittadini – insistono i due forzisti – che sono a secco da inizio maggio ma che da oltre 3 giorni non hanmo notizie di rivoli d’acqua, in particolare ci hanno contattato da via nuova di San liborio Via degli orti di Santa Maria Via Alessandro Specchi e via dei Rocchi oltre alle segnalazioni continue e costanti delle zone di Campo dell’oro e San Gordiano/Boccelle. Ma in questa città ormai allo sbando tutto rientra nella normalità. Normalità di chi continua a sedere su una poltrona riscaldandola senza minimamente curarsi di chi da 3 giorni consecutivi non riesce nemmeno a lavarsi oltre a non poter cucinare e fare lavatrici: insomma Civitavecchia ridotta favvero ad un paese da terzo mondo, rassegnato e senza speranza. Infatti non una comunicazione istituzionale che dici stiamo risolvendo il problema, scusateci nulla il silenzio più assordante.

    Dopo non aver fatto nulla, – concludono Mari e Frascarelli – il loro unico dibattito è sul passaggio ad Ato 2 ed intanto i cittadini si ritrovano all’inizio della stagione estiva già a secco. Aspettando l’ennesima piccola e triste replica di un amministrazione morente vi anticipiamo sin d’ora che non accettiamo lezioni da chi in 3 anni di mandato non è riuscito a portare neanche un bicchiere d’acqua nelle case dei civitavecchiesi.

  • Partecipazioni e

    Necrologi online

    Il servizio è attivabile da computer, tablet e smartphone con estrema comodità. Anche chi lavora e vive in altre città d'Italia e all'estero potrà tenersi informati sugli eventi luttuosi.

    Tel 328/2307777 mail:

    redazione@lavocedelpopolo.net